Archivio

Archivio per la categoria ‘Ubuntu’

Conky: Xfce4

9 maggio 2018 Commenti chiusi

Installazione Conky

Installare i pacchetti conky-all, curl, lm-sensors e hddtemp,
con il comando:

sudo apt-get install conky-all curl lm-sensors hddtemp

Per prima cosa impostare il bit SUID su hddtemp in modo da assegnare allo user che esegue hddtemp, gli stessi privilegi dell’utente root.
Questo è necessario perchè conky non potrà altrimenti eseguire sudo autonomamente dal suo file di configurazione conkyrc:

sudo chmod u+s /usr/sbin/hddtemp

Comandi base di Conky

per eseguire conky da terminale:

conky &

per eseguire conky in background ed evitare che venga terminato alla chiusura del terminale:

conky -d

File di configurazione

Le configurazioni di conky risiedono nel file ~/.conkyrc, se non devesse esistere, fare una copia del file di default:

cp /etc/conky/conky.conf  ~/.conkyrc

E’ necessario riavviare conky per poter utilizzare il nostro file di configurazione:

killall conky
conky &

Il file di configurazione è diviso in due parti:
tutto ciò che riguarda la resa a schermo di conky risiede in conky.config mentre tutto ciò che riguarda la formattazione del testo risiede in conky.text.
Tutto ciò che non è compreso tra

${ }

viene interpretato da conky come testo semplice.

conky.config = {
    alignment = 'top_left',
    background = false,
    border_width = 1,
    cpu_avg_samples = 2,
    default_color = 'white',
    default_outline_color = 'white',
    default_shade_color = 'white',
    draw_borders = false,
    draw_graph_borders = true,
    draw_outline = false,
    draw_shades = false,
    use_xft = true,
    font = 'DejaVu Sans Mono:size=12',
    gap_x = 5,
    gap_y = 60,
    minimum_height = 5,
    minimum_width = 5,
    net_avg_samples = 2,
    no_buffers = true,
    out_to_console = false,
    out_to_stderr = false,
    extra_newline = false,
    own_window = true,
    own_window_class = 'Conky',
    own_window_type = 'desktop',
    stippled_borders = 0,
    update_interval = 1.0,
    uppercase = false,
    use_spacer = 'none',
    show_graph_scale = false,
    show_graph_range = false
}

conky.text = [[
${scroll 16 $nodename - $sysname $kernel on $machine | }
$hr
${color grey}Uptime:$color $uptime
${color grey}Frequency (in MHz):$color $freq
${color grey}Frequency (in GHz):$color $freq_g
${color grey}RAM Usage:$color $mem/$memmax - $memperc% ${membar 4}
${color grey}Swap Usage:$color $swap/$swapmax - $swapperc% ${swapbar 4}
${color grey}CPU Usage:$color $cpu% ${cpubar 4}
${color grey}Processes:$color $processes  ${color grey}Running:$color $running_processes
$hr
${color grey}File systems:
 / $color${fs_used /}/${fs_size /} ${fs_bar 6 /}
${color grey}Networking:
Up:$color ${upspeed eth0} ${color grey} - Down:$color ${downspeed eth0}
$hr
${color grey}Name              PID   CPU%   MEM%
${color lightgrey} ${top name 1} ${top pid 1} ${top cpu 1} ${top mem 1}
${color lightgrey} ${top name 2} ${top pid 2} ${top cpu 2} ${top mem 2}
${color lightgrey} ${top name 3} ${top pid 3} ${top cpu 3} ${top mem 3}
${color lightgrey} ${top name 4} ${top pid 4} ${top cpu 4} ${top mem 4}
]]

e corrisponde alla seguente grafica:

La lista di tutti i parametri è reperibile sul sito ufficiale.

alignment = ‘top_left’:
Indica la posizione della finestra di conky sullo schermo.
I valori accettati sono: alignment top_left, alignment top_right, alignment bottom_left, alignment bottom_right, alignment none

background = false:
Se settato a true, conky viene forzato a funzionare in background e non dipende da nessun terminale

border_width = 1:
Spessore del bordo in pixels

cpu_avg_samples = 2:
Numero di campionamenti per il monitoraggio della cpu

default_color = ‘white’:
colore di default di testo e bordo

default_outline_color = ‘white’:
colore di default dell’outline

default_shade_color = ‘white’:
colore di default dell’ombreggiatura

draw_borders = false:
Disegna i bordi del testo

draw_graph_borders = true:
Disegna i bordi dei grafici

draw_outline = false:
Disegna i bordi attorno a testi e linee, utile se il contrasto di background è insufficiente

draw_shades = false:
Aggiunge una sottile ombra sotto testi e linee per facilitare la lettura con background a medio
contrasto. Per contrasti insufficienti, vedere draw_outline.

use_xft = true:
Utilizza Xft (X FreeType interface Library) per fonts anti-aliased

font = ‘DejaVu Sans Mono:size=12’:
Il nome del font utilizzato in X. Costituito da tre parametri:
Font Name – Il nome del font, nel nostro caso “‘DejaVu Sans Mono”;
[size=] – [optional] la dimensione del font in pixels;
[weight] – [optional] in caso si voglia il grassetto, inserire la parola “bold”.

gap_x = 5:
Gap sull’asse x, rispetto al bordo dello schermo

gap_y = 60:
Gap sull’asse y, rispoetto al bordo dello schermo

minimum_height = 5:
Minima altezza della finestra di conky

minimum_width = 5:
Minima larghezza della finestra di conky

net_avg_samples = 2:
numero campionamenti per il traffico di dati

no_buffers = true:
Sottrae i buffers (file system) dalla memoria utilizzata

out_to_console = false:
Stampa sullo “stdout” (standard output) per essere visualizzato a terminale

out_to_stderr = false
Stampa sullo “stderr” (standard error)

extra_newline = false
Aggiunge una linea extra alla fine, quando sta scrivendo sullo “stdout”

own_window_class = ‘Conky’
Imposta manualmente il nome del window manager WM_CLASS. “Conky” di default

own_window_type = ‘desktop’
Serve per utilizzare alcuni hints del window manager che influiscono sulla visualizzazione di Conky

stippled_borders = 0
Stippling dei bordi in pixels

update_interval = 1.0
Intervallo di update di conky in secondi

uppercase = false
Serve per visualizzare il testo in maiuscolo

use_spacer = ‘none’
Aggiunge spazi attorno a certi oggetti. Utile quando si usano font particolari come “Bitstream Vera Sans Mono”

show_graph_scale = false
Mostra il valore massimo nella scala del grafico

show_graph_range = false
Mostra il time-range del grafico

Analizzando ora il formato del testo visualizzato nel file di default:

${scroll 16 $nodename - $sysname $kernel on $machine | }

Scrolling del testo (su 16 caratteri in movimento) delle variabili indicate con $

$hr

Disegna una riga orizzontale

${color grey}Uptime:$color $uptime

Visualizza la scritta uptime in grigio (delimitata dai tag $color).
La variabile che segue, $uptime, utilizza il colore di default (“white”)

${color grey}Frequency (in MHz):$color $freq
${color grey}Frequency (in GHz):$color $freq_g
RAM Usage:$color $mem/$memmax - $memperc% ${membar 4}
${color grey}Swap Usage:$color $swap/$swapmax - $swapperc% ${swapbar 4}
${color grey}CPU Usage:$color $cpu% ${cpubar 4}
${color grey}Processes:$color $processes  ${color grey}Running:$color $running_processes

Stessa cosa del punto precedente con altri parametri.

$hr

Disegna una riga orizzontale

${color grey}File systems:
 / $color${fs_used /}/${fs_size /} ${fs_bar 6 /}
${color grey}Networking:
Up:$color ${upspeed eth0} ${color grey} - Down:$color ${downspeed eth0}
$hr

Disegna una riga orizzontale

${color grey}Name              PID   CPU%   MEM%
${color lightgrey} ${top name 1} ${top pid 1} ${top cpu 1} ${top mem 1}
${color lightgrey} ${top name 2} ${top pid 2} ${top cpu 2} ${top mem 2}
${color lightgrey} ${top name 3} ${top pid 3} ${top cpu 3} ${top mem 3}
${color lightgrey} ${top name 4} ${top pid 4} ${top cpu 4} ${top mem 4}

Modifica File di configurazione

Un esempio di file personalizzato del mio desktop è il seguente e sono stati modificati i font, i size del font, i colori e i parametri da visualizzare.
E’ necessaria l’installazione del font-awesome quindi:

sudo apt-get install fonts-font-awesome
conky.config = {
	alignment = 'top_right',
	background = true,
	cpu_avg_samples = 2,
	default_color = "FFFFFF",
	draw_borders = false,
	draw_graph_borders = false,
	draw_outline = false,
	draw_shades = true,
	use_xft = true,
	font = 'Ubuntu Mono:size=10',
	gap_x = 10,
	gap_y = 10,
	minimum_width = 0, minimum_height = 0,
	net_avg_samples = 2,
	no_buffers = true,
	out_to_console = false,
	own_window = true,
	own_window_class = "Conky",
	own_window_type = "normal",
	own_window_hints = "undecorated,below,sticky,skip_taskbar,skip_pager",
	own_window_transparent = true,
	own_window_colour = "000000",
	update_interval = 1,
	uppercase = false,
	override_utf8_locale = true,
	double_buffer = true,
	text_buffer_size = 32768,
	border_inner_margin = 10,
	border_outer_margin = 0,
	xftalpha = 0.8,
        color1 = CCAB8D,
};

conky.text = [[
	${color1}
	${voffset 5}
	${alignr}${font Ubuntu:style=Medium:pixelsize=50}${time %H:%M}${font}
	${voffset 5}
	${alignr}${font Ubuntu:style=Medium:pixelsize=13}${time %A %d %B %Y}${font}
	${voffset 5}
	${color #DD3A21}$nodename: ${scroll 16 $sysname $kernel on $machine}${color}
	${hr}
	${font FontAwesome}?${font} IP address:
        ${goto 20}${addrs eth0}
	${goto 20}${upspeedgraph eth0 30,178 06E9F8 2104FA}${goto 202}${downspeedgraph eth0 30,175 FFFF00 DD3A21}
	${font FontAwesome}${goto 20}?${font} ${upspeed eth0}${font FontAwesome}${goto 202}?${font} ${downspeed eth0}
	${hr}
	${font FontAwesome}?${font} DiskIO:
	${goto 20}${diskiograph_read 30,178 06E9F8 2104FA}${goto 202}${diskiograph_write 30,175 FFFF00 DD3A21}
	${font FontAwesome}${goto 20}?${font} ${diskio_read}${font FontAwesome}${goto 202}?${font} ${diskio_write}
	${hr}
	${font FontAwesome}?${font} Memory usage: 
        ${goto 20}${mem}/${memmax} (${memperc}%) | Swap: ${swapperc}%
	${goto 20}${memgraph 30,355 AAF5D0 00B35B}
	${hr}
	${color1}File systems:
	${color1}sda: /home${goto 125}${color}${fs_used /home}/${fs_size /home} ${fs_used_perc /home}% ${color1}					
	${color1}sda: /${goto 125}${color}${fs_used /}/${fs_size /} ${fs_used_perc /}% ${color1}								
        ${color1}sdb: /home${goto 125}${color}${fs_used /home/banco/mediaHD/}/${fs_size /home/banco/mediaHD/} ${fs_used_perc /home/banco/mediaHD/}% ${color1}							

	${hr}
	${color1}Temperatures in Celsius:
	${color1}sda			${alignr}	${color} ${execi 10 hddtemp /dev/sda | cut -c32-36}
	${color1}sdb			${alignr}	${color} ${execi 10 hddtemp /dev/sdb | cut -c31-36}
	${color1}Core0 			${alignr}${color} ${execi 60 sensors | grep "Core 0" | cut -c16-22}
	${color1}Core1 			${alignr}${color} ${execi 60 sensors | grep "Core 1" | cut -c16-22}
	${color1}GPU 			${alignr}	${color} ${execi 60 nvidia-settings -query [gpu:0]/GPUCoreTemp -t}°C
	${hr}
	${goto 20}CPU0: ${cpu cpu0}%${goto 100}${cpubar 7,80 cpu0}
	${goto 20}CPU1: ${cpu cpu1}%${goto 100}${cpubar 7,80 cpu1}
	${hr}
	${color #FFFF00}${goto 20}Name ${goto 200}Pid${goto 255}Cpu%${goto 310}Mem%${color}
	${goto 20}${top name 1} ${goto 180}${top pid 1}${goto 235}${top cpu 1}${goto 290}${top mem 1}
	${goto 20}${top name 2} ${goto 180}${top pid 2}${goto 235}${top cpu 2}${goto 290}${top mem 2}
	${goto 20}${top name 3} ${goto 180}${top pid 3}${goto 235}${top cpu 3}${goto 290}${top mem 3}
	${goto 20}${top name 4} ${goto 180}${top pid 4}${goto 235}${top cpu 4}${goto 290}${top mem 4}
	${goto 20}${top name 5} ${goto 180}${top pid 5}${goto 235}${top cpu 5}${goto 290}${top mem 5}

]];

Ecco le sezioni una per una

Orario e data

	${color1}
	${voffset 5}
	${alignr}${font Ubuntu:style=Medium:pixelsize=50}${time %H:%M}${font}
	${voffset 5}
	${alignr}${font Ubuntu:style=Medium:pixelsize=13}${time %A %d %B %Y}${font}


Nodename e Net

	${color #DD3A21}$nodename: ${scroll 16 $sysname $kernel on $machine}${color}
	${hr}
	${font FontAwesome}?${font} IP address:
        ${goto 20}${addrs eth0}
	${goto 20}${upspeedgraph eth0 30,178 06E9F8 2104FA}${goto 202}${downspeedgraph eth0 30,175 FFFF00 DD3A21}
	${font FontAwesome}${goto 20}?${font} ${upspeed eth0}${font FontAwesome}${goto 202}?${font} ${downspeed eth0}

Con scroll è possibile far scorrere il testo (16 caratteri) delle variabili sysname, kernel e machine.
Il traffico di rete in entrata ed uscita si ottiene con le variabili:
upspeedgraph, downspeedgraph, upspeed e downspeed
“hr” indica una linea di separazione

Disk IO

	${hr}
	${font FontAwesome}?${font} DiskIO:
	${goto 20}${diskiograph_read 30,178 06E9F8 2104FA}${goto 202}${diskiograph_write 30,175 FFFF00 DD3A21}
	${font FontAwesome}${goto 20}?${font} ${diskio_read}${font FontAwesome}${goto 202}?${font} ${diskio_write}

Il traffico di dati sull’HDD in lettura e scrittura si ottiene con le variabili:
diskiograph_read, diskiograph_write, diskio_read e diskio_write

Memory usage

	${hr}
	${font FontAwesome}?${font} Memory usage: 
        ${goto 20}${mem}/${memmax} (${memperc}%) | Swap: ${swapperc}%
	${goto 20}${memgraph 30,355 AAF5D0 00B35B}

“mem” indica la memoria utilizzata
“memmax” indica la memoria totale disponibile
“memperc” indica il rapporto tra le due
“swapperc” indica la percentuale di swap utilizzata


File Systems

	${hr}
	${color1}File systems:
	${color1}sda: /home${goto 125}${color}${fs_used /home}/${fs_size /home} ${fs_used_perc /home}% ${color1}					
	${color1}sda: /${goto 125}${color}${fs_used /}/${fs_size /} ${fs_used_perc /}% ${color1}								
        ${color1}sdb: /home${goto 125}${color}${fs_used /home/banco/mediaHD/}/${fs_size /home/banco/mediaHD/} ${fs_used_perc /home/banco/mediaHD/}% ${color1}							

“fs_used” indica la quantità di spazio utilizzato
“fs_size” indica la quantità di spazio totale disponibile
“fs_used_perc” indica la quantità di spazio disponibile occupata

Temperatures

	${hr}
	${color1}Temperatures in Celsius:
	${color1}sda			${alignr}	${color} ${execi 10 hddtemp /dev/sda | cut -c32-36}
	${color1}sdb			${alignr}	${color} ${execi 10 hddtemp /dev/sdb | cut -c31-36}
	${color1}Core0 			${alignr}${color} ${execi 60 sensors | grep "Core 0" | cut -c16-22}
	${color1}Core1 			${alignr}${color} ${execi 60 sensors | grep "Core 1" | cut -c16-22}
	${color1}GPU 			${alignr}	${color} ${execi 60 nvidia-settings -query [gpu:0]/GPUCoreTemp -t}°C
	${hr}

execi esegue il comando “command” ogni “num” secondi.
Nel caso specifico viene eseguito

hddtemp /dev/sda | cut -c32-36

ecco il perchè dell’assegnare il bit SUID ad hddtemp, che altrimenti, senza sudo non ritornerebbe nessun output. Dalla stringa in output di hddtem si estrapolano i gradi tramite cut.
Nel mio caso, avendo 2 HDD, si esegue la stessa cosa, sia per sda che sdb.
Per i processori si utilizza invece sensors.

	${color1}Core0 			${alignr}${color} ${execi 60 sensors | grep "Core 0" | cut -c16-22}
	${color1}Core1 			${alignr}${color} ${execi 60 sensors | grep "Core 1" | cut -c16-22}

Il discorso GPU invece dipende dai driver utilizzati.
Nel mio caso, avendo installato i driver NVIDIA proprietari, è necessario utilizzare il tool nvidia-settings con:

	${color1}GPU 			${alignr}	${color} ${execi 60 nvidia-settings -query [gpu:0]/GPUCoreTemp -t}°C

Con i driver open invece, è sempre possibile estrapolare i dati con sensors.
sensors può essere eseguito da terminale per visualizzare parecchie informazioni

	${color1}GPU 			${alignr}	${color} ${execi 60 nvidia-settings -query [gpu:0]/GPUCoreTemp -t}°C

La temperatura inerente la GPU, dovrebbe essere qualcosa simile a “temp1”, in questo caso:

sensors | grep "temp"

Nel mio caso l’output sarebbe di più righe e quindi ci si potrebbe avvalere di cut e awk.
Con awk selezionerei solo la seconda riga, poi filtrerei solo i caratteri indicanti la temperatura:

sensors | grep "temp1" | awk 'FNR == 2 {print}' | cut -c16-19}°C

Cpus

	${hr}
	${goto 20}CPU0: ${cpu cpu0}%${goto 100}${cpubar 7,80 cpu0}
	${goto 20}CPU1: ${cpu cpu1}%${goto 100}${cpubar 7,80 cpu1}
	${hr}
	${color #FFFF00}${goto 20}Name ${goto 200}Pid${goto 255}Cpu%${goto 310}Mem%${color}
	${goto 20}${top name 1} ${goto 180}${top pid 1}${goto 235}${top cpu 1}${goto 290}${top mem 1}
	${goto 20}${top name 2} ${goto 180}${top pid 2}${goto 235}${top cpu 2}${goto 290}${top mem 2}
	${goto 20}${top name 3} ${goto 180}${top pid 3}${goto 235}${top cpu 3}${goto 290}${top mem 3}
	${goto 20}${top name 4} ${goto 180}${top pid 4}${goto 235}${top cpu 4}${goto 290}${top mem 4}
	${goto 20}${top name 5} ${goto 180}${top pid 5}${goto 235}${top cpu 5}${goto 290}${top mem 5}

Qui vengono indicate le cpu e le barre grafiche (cpubar)
Infine con top vengon mostrati i 5 processi più esosi di risorse.

Inserire in avvio automatico il nostro script personalizzato.

Nel mio caso (xfce4) avviare Sessione e Avvio e nella sezione Avvio Automatico aggiungere
la voce conky, la descrizione del comando e il comando conky stesso:

Riavviando conky dovrebbe avviarsi in automatico secondo le nostre indicazioni.

Categorie:Conky, Xfce Tag: , ,

Ubuntu minimal: errori .Xauthority parse_vt_settings

8 novembre 2017 Commenti chiusi

Installare ubuntu minimal come da guida

Al riavvio Loggarsi con il proprio utente

se siamo su virtualbox procedere con l’installazione dei pacchetti
virtualbox-guest-utils e virtualbox-guest-dkms:

sudo apt-get install virtualbox-guest-utils virtualbox-guest-dkms

e creare il file virtualbox.conf con i moduli da caricare all’avvio…

sudo nano /etc/modules-load.d/virtualbox.conf

…inserendo all’interno del file i moduli:

vboxguest
vboxsf
vboxvideo

ora installare xfce4 e lightdm:

sudo apt-get install xfce4 lightdm

Al termine dell’installazione, editare il file lightdm.conf:

sudo nano /etc/lightdm/lightdm.conf

inserendo/modificando le seguenti coppie chiave=valore:

[SeatDefaults]
allow-guest=false
autologin-user=<username>
user-session=xfce

La prima opzione non consente accesso ad utente ospite;
la seconda permette l’autologin (cancellare la coppia in caso si voglia accedere ogni volta inserendo le credenziali);
la terza non ha bisogno di commenti.

per le configurazioni di lightdm seguire
questa guida.

Riavviare:

sudo reboot

Se al riavvio lightdm non riesce ad avviare la sessione con
errore “Avvio sessione non riuscito”, potrebbero esserci più
cause.

Permessi file .Xauthority

il file .Xauthority risiede nella home directory di ogni user e memorizza le credenziali degli stessi users, in cookies utilizzati da xauth per l’identificazione delle sessioni di X. Quando viene avviata una sessione X il cookie viene usato per autenticare le connessioni ad un determinato display.
Se non si hanno i diritti di accesso a tale file, non è possibile avviare la sessione.

Assicurarsi quindi di avere i diritti sul file .Xauthority

ls -l .Xauthority

in caso i diritti fossero solo per root, modificarli riassegnadoli ad ‘username’:

sudo chown <username>:<username> -R /home/<username>/.Xauthority

E’ possibile anche eliminare lo stesso file, inquanto verrà ricreato al riavvio.

Riavviare. Se continua a presentarsi l’impossibilità del login:

Consultare il file log

E’ bene consultare il file /home/username/.local/share/xorg/Xorg.1.log
in modo da risalire agli errori. Solitamente vengono evidenziati anche quando si tenta di avviare la sessione da terminale con startxfce4, ma nel nostro caso abbiamo installato lightdm e potremmo essere bloccati nel DM con il messaggio “Avvio Sessione NON riuscito”.

Con la combinazione CTRL+ALT+F2 entriamo nella console virtuale ed effettuaiamo il login con il nostro utente.
Blocchiamo prima il servizio lightdm:

sudo service lightdm stop

visualizziamo il log suddetto:

cat /home/<username>/.local/share/xorg/Xorg.1.log

(EE) parse_vt_settings: Cannot open /dev/tty0 (Permission denied)

Alla presenza di questo errore dovrebbe essere risolutivo aggiungere al gruppo tty.
/dev/tty0 rappresenta il display corrente, se quindi il nostro utente non ha i diritti su questo dispositivo, non è possibile avviare la sessione.

sudo usermod -a -G tty <username>

(EE) parse_vt_settings: Cannot open /dev/tty0 (No such file or directory)

Altro errore ricorrente.
Il pacchetto xserver-xorg-legacy fornisce un wrapper per il server X, quando si hanno driver obsoleti e kernel diversi. Se non necessario, come nel mio caso, è bene disinstallarlo:

sudo apt-get remove xserver-xorg-legacy

Ovviamente il file Xwrapper deve rimanere quindi assicuriamoci che esista ed abbia la giusta configurazione

sudo nano /etc/X11/Xwrapper.config

le coppie nome=valore sono:

allowed-users=anybody
needs-root-rights=yes

need-root-rights serve per assicurare che Xorg venga avviato con privilegi da amministratore da qualsiasi utente (il nostro caso).

riavviare con

sudo reboot

Al riavvio si dovrebbe riuscire ad effettuare il login.

Categorie:Linux, Ubuntu Tag: ,

Ubuntu 16.10: libgstreamer-0.10.so.0: cannot open shared object file: No such file

25 gennaio 2017 Commenti chiusi

install missing 64bit deb packages:

$ wget http://ftp.ca.debian.org/debian/pool/main/g/gstreamer0.10/libgstreamer0.10-0_0.10.36-1.5_amd64.deb
$ wget http://ftp.ca.debian.org/debian/pool/main/g/gst-plugins-base0.10/libgstreamer-plugins-base0.10-0_0.10.36-2_amd64.deb

or 32bit ones:

$ wget http://ftp.ca.debian.org/debian/pool/main/g/gstreamer0.10/libgstreamer0.10-0_0.10.36-1.5_i386.deb
$ wget http://ftp.ca.debian.org/debian/pool/main/g/gst-plugins-base0.10/libgstreamer-plugins-base0.10-0_0.10.36-2_i386.deb

install deb packages

sudo dpkg -i libgstreamer*.deb
Categorie:Linux, Ubuntu Tag:

ubuntu 15.04 64bit: PLEX doesn’t work

17 agosto 2015 Commenti chiusi

First of all remove old plex packages.
From terminal:

cd /var/lib/dpkg/info

and

sudo rm -f plexmediaserver*

and finally:

sudo dpkg -r plexmediaserver

now get the package that fixes the issue:

sudo wget https://downloads.plex.tv/plex-media-server/0.9.12.1.1079-b655370/plexmediaserver_0.9.12.1.1079-b655370_amd64.deb

Install the new package (with default answers)…

sudo dpkg -i plexmediaserver_0.9.12.1.1079-b655370_amd64.deb

…and run the service:

sudo service plexmediaserver start

njoy

Categorie:Kubuntu, plex, Ubuntu Tag: , ,

Virtualbox: ubuntu15.04 risoluzione monitor 640×480

4 marzo 2015 Commenti chiusi

Se dopo aver installato le GuestAdditions e dopo aver installato i moduli necessari, l’unica risoluzione disponibile continua ad essere 640×480, modificando il grub sembra risolvere il problema.

Quindi aprire con l’editor di turno il file
/etc/default/grub

e decommentare la riga:

#GRUB_TERMINAL=console

in modo che diventi

GRUB_TERMINAL=console

aggiornare la configurazione con il comando:

sudo update-grub

il risultato:k1504

Categorie:Linux, Ubuntu, VirtualBox Tag:

Lubuntu 14.04 e scheda wifi Broadcom bcm4318

27 gennaio 2015 Commenti chiusi

Dopo avere tentato invano di farla funzionare, assicurarsi di rimuovere i vari residui di precedenti installazioni e reinstallare i fondamentali pacchetti b43-fwcutter firmware-b43-installer

pulire:

sudo apt-get purge bcmwl-kernel-source b43-fwcutter firmware-b43-lpphy-installer

reinstallare:

sudo apt-get install b43-fwcutter firmware-b43-installer

riavviare

Effettuato il riavvio, attivare il wireless da pulsante.
Se manca l’applet di Network Manager: guida
Se il riavvio e spegnimento mandano la macchina in freeze: guida
Se durante avvio e spegnimento rimanete bloccati in halt mount: / is busy: guida

Categorie:Linux, Lubuntu Tag:

Lubuntu Virtualbox unica risoluzione monitor 640×480

3 giugno 2014 Commenti chiusi

Una volta installata la distro su Virtualbox, quando si va in preferenze > impostazioni del monitor, per modificare la risoluzione del monitor, ci si accroge che è presente solo la 640×480.

schermo_def

Per aggiustare le cose, oltre ad installare le guest-addition, entrare nel terminale ed installare i seguenti pacchetti:

sudo apt-get install virtualbox-guest-utils virtualbox-guest-x11 virtualbox-guest-dkms

riavviando sarà possibile scegliere la risoluzione desiderata.

schermo_def2

alternativamente:

sudo apt-get install virtualbox-ose-guest-utils virtualbox-ose-guest-x11 virtualbox-ose-guest-dkms

Ricordarsi di dare al proprio utente l’appartenenza al gruppo vboxusers!!

sudo usermod -G vboxfs -a $USER

Problematica Ubuntu 15.04 Alpha

Categorie:Lubuntu, VirtualBox Tag:

Lubuntu 14.04: nm-applet assente

31 maggio 2014 Commenti chiusi

Appena installata la distro, si nota come sia ssente l’applet di network-manager.
Se si vuole ad esempio definire un IP statico senza mettere mano al file /etc/network/interfaces, risulterebbe comodo se solo ci fosse…
lubuntu_no_nm

per far sì, che nm-applet si avvi in automatico procedere come segue:
andare in Preferenze > Applicazioni predefinite per LXsession
scegliere Autostart ed in manual autostarted application,
aggiungere nm-applet
permere il pulsante Aggiungi

lubuntu_nm_add

riavviare.

Ora è possibile utilizzare l’applet per i propri scopi:
lubuntu_nm_ok

Categorie:Lubuntu, Ubuntu Tag:

Ubuntu: splash scomparso dopo installazione driver video

29 maggio 2014 Commenti chiusi

Dopo l’installazione di un qualsiasi driver video, che non sia quello installato di default, al
riavvio potreste notare la scomparsa dello splash, sostituito dalla semplice scritta della distro (Ubuntu, LinuxMint, ecc) corredata dai 4 odiosi puntini…
Per il ripristino, procedere come segue.

aprire il file di configurazione di grub:

sudo gedit /etc/default/grub

togliere il commento dalla riga:

#GRUB_GFXMODE=680x480

ed aggiungere:

GRUB_GFXPAYLOAD_LINUX=680x480

aggiornare grub:

sudo update-grub

riavviare

Nota:
Per sapere a che risoluzione spingersi, utilizzare da dentro grub, il comando vbeinfo o installare hwinfo ed utilizzare il comando

hwinfo --framebuffer

o installare fbset

sudo apt-get install fbset

e lanciare il comando:

sudo fbset -i

per conoscere le risoluzioni disponibili

Categorie:Ubuntu Tag:

Lubuntu: stampante WINDOWS via SAMBA assente

12 maggio 2014 Commenti chiusi

Per far apparire la stampante WINDOWS condivisa, via samba, nel menu stampanti, assicurarsi di avere installato samba:

sudo apt-get install samba

e i seguenti pacchetti:

libsmbclient
smbclient
python-smbc

riavviare il servizio CUPS:

sudo service cups restart

e via:

stampe

Categorie:Linux, Ubuntu Tag: